06.51600107 info@fisioforum.it
Seleziona una pagina

Ilio Iannone

PROGRESSIONE DEL CARICO DI ALLENAMENTO
NEL WEIGHTLIFTER CON INFORTUNIO

Alcuni estratti dal corso

Crediti ECM

Chi è Ilio Iannone?

Ilio è un fisioterapista e osteopata, appassionato di disordini muscoloscheletrici.
Fin da subito inizia a formarsi con i Docenti più influenti nel settore, come Adam Meakins, Chris Littlewood, Jeremy Lewis, Ben Cormack ed altri.

“ In questi 20 anni di lavoro ho modificato il mio approccio di lavoro passando da un modello di tipo biomedico basato sulla visione della malattia soltanto come espressione della sola alterazione di fattori biologici, al modello bio-psicosociale che considera la malattia anche come alterazione di fattori psicologici (emozioni, pensieri) e sociali (cultura, esperienze, relazioni), risultato di una sinergia tra individuo e ambiente”

Questo nuovo modello di lavoro trova particolare applicazione sui disturbi muscoloscheletrici in quanto negli ultimi anni la letteratura scientifica ha dimostrato che essi sono sempre più scarsamente correlabili alle alterazioni strutturali, in molti individui presenti in maniera asintomatica e in particolare al dolore cronico muscoloscheletrico, fortemente associato a fattori psicosociali (kinesiofobia, catastrofizzazione, ansia, evitamento, disuso).

L’ultima gratifica arriva a Maggio del 2009 dopo mesi di studio e allenamento, ha ottenuto il CSCS (Certified Strength e Condititioning Specialist) con la NSCA (National Strength e Conditioning Association), la più ambita Certificazione Internazionale sul condizionamento fisico e allenamento della Forza.

 

+ di 1500 Fisioterapisti hanno già acquistato il webinar di Ilio Iannone

Cosa imparerai durante il corso?

Nel video corso troverai l’approccio e il ragionamento clinico e il suo case history relativo ad un atleta di sollevamento pesi.

Vuoi conoscere tutto il programma di FISIOFORUM 2020?

PLENARIA INTERNAZIONALE
  • Alfio Albasini: Patellofemoral Treatment Approach
  • Adam Meakins: Scapula Dyskinesis in Athletes
  • Ben Cormack: A Person Centered Approach in Exercise and Movement
  • Ebonie Rio: Tendon Injury
  • Chris Perkin: Hip & Groin
  • Jay Dawes: Strength and Conditionig for the Tactical Athlete
  • Kyle Kiesel: Injury Prevention and Performance Training
  • Vaidas Stalioraitis: Contemporary Approach to Assesment and Management of Ankle Injuries
  • Trevor Prior: Sports Injuries of the Foot and The Ankle
PLENARIA NAZIONALE
  • Andrea Piazze: Sports Rehab and Return to Sports
  • Paolo Marighetto: Pain Management nell’Atleta Infortunato
  • Massimiliano Febbi: Tactical Athlete
  • Daniele Barbieri: Strategie di Correzione del Movimento del Core
  • Giovanni Di Giacomo: Anatomia Neurologica della Spalla dello Sportivo
  • Giuliano Mari: Mental Training
  • Lino Di Rienzo Businco: Disfunzione delle Prime Vie Aeree
  • Erik Gandino: Strain Counterstrain
  • Ezio Adriani: Il Legamento Crociato Anteriore
  • Stefano Nuccio: Quadriceps Weakness and Knee Laxity Alterations in Soccer Palyers
  • Marco Di Gesù: La Fisiatria Interventistica in Ambito Sportivo
  • Loris Pegoli: Polso e Gesto Atletico (con A. Sakara)
  • Francesco Inglese: La Spalla dello Sportivo
  • Antonio Sedita: Stress, Sport, Nutrizione
WORKSHOP SPECIFICI
  • B. Dubois / R. Raimondi: Running Shoes, Science Controversies and Practical Aspects
  • U. Improta / P. Barbero: La Gestione del Calciatore di Serie A
  • F. Paperini / M. Vagelli: Il Fisioterapista Sportivo nel Tennis
  • Romeo Cuturi: La Riabilitazione del Danzatore d’Èlite
  • Ilio Iannone: Progressioni del Carico di Allenamento nel Weight-Lifter con Infortunio
  • D. Barillà / K. Braiek: L’Atleta Overhead
  • Marco Angius: La Fisioterapia nel Crossfit
  • Maurizio Radi: Team Multidisciplinare nel Management del Ciclista
  • Felice Picariello: La Cognitive Functional Therapy nell’Atleta Professionista
  • Christian Bruno: Il Management Clinico-Sportivo nell’Atletica Leggera
  • Simone Salviati: The One Man Army
  • Gionata Prosperi: What About Shoulder Rehab
  • L. Businco / L. Santilli / A. Uffreduzzi: Respirare Male Limita ogni Prestazione